Dorella Dinardo – Strumenti e spazi della comunicazione politica, della pubblica informazione e della circolazione delle idee nel XVIII secolo: Carlo III da Napoli a Madrid – Data del conseguimento: 2017

Autrice: Dorella Dinardo

Titolo: Strumenti e spazi della comunicazione politica, della pubblica informazione e della circolazione delle idee nel XVIII secolo: Carlo III da Napoli a Madrid

Relatrice: Prof.ssa Angela Carbone

Università: Università degli Studi di Bari

Intitolazione del Dottorato: Scienze delle relazioni umane

Ciclo: XXIX

Data del conseguimento: 2017

Abstract:

Il progetto di tesi si inserisce all’interno di una riflessione storiografica sulle forme di comunicazione e di informazione nell’Europa settecentesca e del più recente e vivace dibattito sulla genesi e sulla critica dell’opinione pubblica.

L’itinerario si dipana ripercorrendo cronologicamente e geograficamente il cammino del re “illuminato” Carlo III di Borbone da Napoli a Madrid, in un arco di tempo che va dal 1734 al 1788. La tesi è organizzata in due parti: la prima introduce il lettore all’interno di una puntuale analisi degli strumenti e degli spazi della comunicazione, dell’informazione e della circolazione delle idee negli anni di Carlo III, re di Napoli; la seconda parte della tesi segue El Rey de España a Madrid dove, in un’ottica comparativa, si ricostruiscono la storia del periodismo spagnolo, gli apporti del sovrano “illuminato” e la voce dei sudditi, attraverso inediti strumenti di comunicazione. La circolarità della comunicazione dal sovrano ai sudditi, e viceversa, restituisce la voce ai protagonisti del tempo dove pubblico e privato si intersecano in un linguaggio di critica argomentativa su temi amministrativi, politici e soprattutto sociali, volti alla costruzione del consenso e al sapiente utilizzo da parte di Carlo III di Borbone, a Napoli, di un linguaggio che non è solo verbale ma che si esplica anche attraverso la costruzione di nuovi spazi “sociali” e la magnificenza di nuove opere architettoniche. Nel contempo, lo studio condotto in Spagna ha permesso di delineare elementi di continuità e processi di mutamento e innovazione – in tema di informazione pubblica e circolazione delle idee – in una realtà geopolitica e sociale che si presenta, all’arrivo di Carlo III a Madrid, completamente differente rispetto alla città partenopea appena lasciata.

La tesi offre una lettura storica in chiave comparativa sull’opinione pubblica tra Napoli e Madrid nel XVIII secolo dove sinergicamente convivono, da una parte, elementi innovativi e i presupposti storici che confermano la presenza di un’opinione pubblica nelle sue fasi evolutive, dall’altra, innegabili tratti dell’eredità del passato in tema di controllo e disciplinamento della “parola”, in una società ancora fortemente permeabile ai condizionamenti esterni e alla plurisecolare diatriba giurisdizionale tra i poteri costituiti: lo Stato e la Chiesa.