Home La SISEM Soci Appuntamenti Attraverso la Storia Materiali Bandi Reti Archivio Contatti

Editoriale

Storiografia italiana e ordini religioso-cavallereschi in età moderna: campi di ricerca e nuove prospettive - Fabrizio D’Avenia - Università degli Studi di Palermo - 29/04/2020

L’interesse storiografico per gli ordini religioso-cavallereschi, e in particolare per quello di Malta, è stato per l’Italia relativamente recente. Solo a partire dalla fine degli anni ’80, infatti, la bibliografia nazionale si è arricchita di contributi significativi, mentre fino a quel momento le ricerche avevano avuto un taglio marcatamente agiografico e per lo più di impianto araldico-genealogico (Fantoni 1991). Fonte privilegiata dei nuovi studi sono stati, innanzi tutto, i cosiddetti “processi di nobiltà”, cioè le procedure che regolavano l’ammissione agli ordini attraverso la verifica di precisi requisiti, resi sempre più esigenti a partire dalla seconda metà del ’500 (Donati 1988; Spagnoletti 1988; Irace 1995; Angiolini 1996). Tale fonte si è rivelata uno “specchio”, fedele e deformante al contempo, di una società in assetto di mobilità costante, come anche analisi assai più recenti hanno confermato (Pace Gravina 2018). L’analisi attenta dei singoli dossier ha infatti svelato una realtà spesso governata da logiche parentali e clientelari, nel contesto della quale dispense, raccomandazioni e complicità, piegavano a interessi di parte la teorica inflessibilità di requisiti e procedure di ammissione (D’Avenia 2009a). Assai utile, al fine di individuare modelli, imitazioni e “genealogie” di identità nobiliare, si è rivelata anche la comparazione tra le prove di nobiltà degli ordini, comprese quelle richieste negli órdenes militares castigliani (Alcántara, Calatrava e Santiago), caratterizzati nei fatti da un ancor maggiore grado di arbitrarietà (Angiolini 2009; Aglietti 2009a; D’Avenia 2009b, 2018c).

Parallelamente il panorama degli studi si è allargato ad altri importanti filoni di ricerca: i meccanismi di accumulazione, gestione e dissoluzione dei patrimoni degli ordini religioso-cavallereschi (Barsanti 1991; Angiolini 1992; Le commende 1997; Ricardi di Netro-Gentile 2000; Buono-Pace Gravina 2003; Giuffrida 2006; Novi 2011ab e 2015); i conflitti giurisdizionali interni all’Ordine di Malta e quelli sorti tanto tra le “nazioni” (Lingue) che lo componevano, quanto con l’inquisitore e il vescovo locale, in parte comparabili con le analoghe controversie di cui fu protagonista l’Ordine di S. Stefano (D’Avenia 2015; Russo 2017; Greco 2014); la “monarchizzazione” e internazionalizzazione dell’Ordine di Malta attraverso la cooptazione di principi e cardinali italiani e la rivendicazione/costruzione di una sovranità statuale autonoma ma contrastata dalle potenze europee (Turrizziani Colonna 2006; Castagnino Berlinghieri 2007; Ciappara 2008; Spagnoletti 2009; Pilo Galisai 2009; Pace Gravina 2016), speculare all’uso politico-dinastico che i principi italiani fecero degli ordini da loro fondati proiettandoli nel contesto di alleanze internazionali, come nel caso dell’Ordine sabaudo dei Santi Maurizio e Lazzaro e ancora di quello toscano di S. Stefano (Merlotti 2002, 2006, 2009; Aglietti 2007); la componente religiosa degli ordini e in particolare la (tentata) riforma dell’Ordine giovannita nel contesto del “rinnovamento cattolico” controriformistico (Scarabelli 1994, 1998, 2001; de Palma 2007, 2015; Cozzo 2009, 2014; Spagnoletti 2014; D’Avenia 2018ab). A testimoniare l’attualità di quest’ultimo tema, alla spiritualità e all’attività assistenziale dell’Ordine di Malta sono stati dedicati diversi contributi dell’ultimo numero di «Studi Melitensi», pubblicazione del Gran Priorato di Napoli e Sicilia, tra i quali uno di Spagnoletti (2018). L’occasione è stata offerta dal decimo anniversario della morte del gran maestro Andrew Bertie (del quale nel febbraio 2015 si è aperto il processo di beatificazione), ma vi devono certamente avere contribuito anche le recenti drammatiche vicende dell’attuale commissariamento dell’Ordine da parte di papa Francesco (Tomer 2018), impegnato in un deciso «rinnovamento spirituale e morale dell’Ordine, specialmente dei Membri professi» (Lettera di papa Francesco al sostituto per gli Affari generali della Segreteria di Stato, mons. Giovanni Angelo Becciu, per la nomina a delegato speciale presso il Sovrano militare Ordine di Malta (2 febbraio 2017): http://w2.vatican.va/content/francesco/it/letters/2017/documents/papa-francesco_20170202_lettera-delegato-ordine-malta.html). Proprio in queste ore, per altro, giunge la notizia della scomparsa del gran maestro dell’Ordine di Malta, fra’ Giacomo dalla Torre del Tempio di Sanguinetto, eletto appena due anni fa (2 maggio 2018).

Da questo variegato panorama storiografico, nel quale merita di essere inserito a pieno titolo anche un interessante approccio di storia di genere avviato per l’Ordine di S. Stefano (Aglietti 2009b), emerge che gli ordini religioso-cavallereschi, e quello di Malta in particolare, non sono più considerati “latitanti” come agency storica, grazie a una riconosciuta presenza delle sue istituzioni e dei suoi uomini in molti degli snodi cruciali dei processi di antico regime. Essi restano tuttavia oggetto di ricerche episodiche isolate e settoriali, per quanto in molti casi solide dal punto di vista documentario e storiografico, e insufficienti ancora ad animare un dibattito organico a livello nazionale e di conseguenza a inserirsi con autorevolezza in quello internazionale, senz’altro più vivace come nel caso di Spagna, Portogallo e Inghilterra.

Un rilancio più organico degli studi sull’Ordine di Malta potrebbe allora venire dalla collaborazione interdisciplinare tra storici (della Chiesa e del diritto) e giuristi (internazionalisti, canonisti ed ecclesiasticisti), con il coinvolgimento di archivisti ed esperti di bibliografia e storia dell’editoria (Formiga 2015), in considerazione del significativo ampliamento del patrimonio documentario oggi a disposizione degli studiosi (Vanesio 2014). A partire da tali competenze sarebbe infatti possibile analizzare in una prospettiva di lungo periodo l’evoluzione del profilo storico-istituzionale, giuridico e culturale dell’Ordine di Malta, concentrandosi sull’interazione di tre elementi chiave: natura sovranazionale, matrice religiosa (tuitio fidei) e vocazione assistenziale (obsequium pauperum) (Pace Gravina 2010). Il filo rosso dell’indagine dovrebbe essere costituito dalla capacità dell’Ordine di adattarsi alla trasformazione dei contesti storici, riconvertendo la sua presenza militare nei conflitti mediterranei dell’età moderna in quella internazionale dei secoli successivi in campo umanitario e in particolare sanitario. Tale mutazione/transizione dell’Ordine – mai scontata e a tratti traumatica – risulta infatti un elemento chiave di interpretazione tale da “giustificare” da un punto di vista storico-giuridico la sua sopravvivenza (a differenza di tutti gli altri ordini religioso-cavallereschi nati in Terrasanta e nella Penisola iberica). A tutt’oggi l’Ordine di Malta è infatti un’istituzione sovranazionale dotata di attribuzioni tipiche della sovranità – intrattiene relazioni diplomatiche con 107 stati e gode di rappresentanza presso la UE e l’ONU –, in forza proprio di una mai interrotta attività assistenziale, oggi disseminata su tutto il pianeta, in particolar modo nei paesi del terzo mondo. Non a caso, l’Ordine è da tempo impegnato nel Mediterraneo in attività di soccorso ai migranti e in questo momento drammatico nel contrasto alla diffusione del Covid-19 con attività mediche e di sostegno sanitario.

 

Riferimenti bibliografici


Aglietti M. (2007), Istituzioni, potere e società. Le relazioni tra Spagna e Toscana per una storia mediterranea dell’Ordine dei Cavalieri di Santo Stefano, Atti del Convegno internazionale di studi (Pisa, 18 maggio 2007), ETS, Pisa.

Aglietti M. (2009a), Caballería y nobleza entre Toscana y España: Los procesos de admisión en la Orden Militar de Santo Stefano, in Rivero Rodríguez (2009), vol. II, pp. 1179-1216.

Aglietti M., a cura di (2009b), Nobildonne, monache e cavaliere dell’Ordine di Santo Stefano. Modelli e strategie femminili nella vita pubblica della Toscana granducale, Atti del Convegno internazionale di studi (Pisa, 22-23 maggio 2009), ETS, Pisa.

Angiolini F. (1992), La nobiltà «imperfetta»: cavalieri e commende di S. Stefano nella Toscana moderna, in a cura di M. A. Visceglia (a cura di), Signori, patrizi, cavalieri nell’Età moderna, Bari, Laterza, pp. 146-167.

Angiolini F. (1996), I cavalieri e il principe. L’Ordine di Santo Stefano e la società toscana in età moderna, Firenze, Edifir.

Angiolini F. (2009), Norme per i cavalieri di Santo Stefano e norme per i cavalieri di Malta: Analogie e differenze, in Rivero Rodríguez (2009), vol. II,  pp. 1159-1178.

Barbero A., Merlotti A., a cura di (2009), Cavalieri. Dai Templari a Napoleone. Storie di crociati, soldati, cortigiani, Catalogo della mostra (La Venaria Reale, 28 novembre 2009 - 11 aprile 2010) Electa, Milano.

Barsanti D. (1991), Le commende dell’Ordine di S. Stefano attraverso la cartografia antica, Pisa, ETS.

Buono L., Pace Gravina G., a cura di (2003), La Sicilia dei cavalieri. Le istituzioni dell’Ordine di Malta in età moderna (1530-1826), Roma, Fondazione “Donna Maria Marullo di Condojanni”.

Castagnino Berlinghieri U. (2007), Congresso di Vienna e principio di legittimità. La questione del Sovrano Militare Ordine di San Giovanni gerosolimitano, detto di Malta, Milano, Vita e Pensiero.

Ciappara F. (2008), Malta, Napoli e la Santa Sede nella seconda metà del ’700, «Mediterranea-ricerche storiche», 12, pp. 173-188.

Cozzo P. (2009), La Chiesa e gli ordini cavallereschi. Dimensione religiosa e risvolti istituzionali fra età moderna e contemporanea, in Barbero, Merlotti (2009), pp. 163-173.

Cozzo P. (2014), «Quest’abito è di onore e di religione». La dimensione religiosa degli Ordini Cavallereschi Sabaudi nella prima Età Moderna, in Greco (2014), pp. 195-213.

D’Avenia F. (2009a), Nobiltà allo specchio.Ordine di Malta e mobilità sociale nella Sicilia moderna, Quaderni di Mediterranea-ricerche storiche, Associazione Mediterranea, Palermo 2009.

D’Avenia F. (2009b), I processi di nobiltà degli ordini militari: modelli aristocratici e mobilità sociale, in Rivero Rodríguez (2009), vol. II, pp. 1087-1126.

D’Avenia F. (2015), Making bishops in the Malta of the knights (1530-1798), «The Journal of Ecclesiastical History», 66/2, pp. 261-279.

D’Avenia F. (2018a), «Tiene per altro il cappellano nella sua galera sempre dinanzi un campo grande di messe». L’assistenza religiosa nell’Ordine di Malta in un’istruzione di fine Seicento, «Dimensioni e problemi della ricerca storica», 1, pp. 141-167.

D’Avenia F. (2018b), La Religion triomphante, militante et martyre Piété et valeurs guerrières dans les représentations de l’ordre de Malte, in Nobles et chevaliers en Europe et en Méditerranée, dossier a cura di Anne Brogini et alii, «Cahiers de la Méditerranée», 97/2, pp. 313-325.

D’Avenia F. (2018c), From Spain to Sicily after the Expulsion: Conversos between Economic Network and the Aristocratic Elite, «Journal of Early Modern History», 22, 6 (2018), pp. 421-445.

De Palma L. M. (2007), Il Frate Cavaliere. Il tipo ideale del Giovannita fra medioevo ed età moderna, Bari, Ecumenica Editrice.

De Palma L. M. (2015), Servus Pauperum. La spiritualità giovannita da Rodi a Malta, in Da Gerusalemme a Roma. Itinerario storico-spirituale, Roma, s.e., pp. 45-88.

Donati C. (1988), L’idea di nobiltà in Italia. Secoli XIV-XVII, Bari, Laterza.

Fantoni M. (1991), Il paradigma del pregiudizio, ovvero la storiografia italiana sugli ordini cavallereschi, in P. Pacheco, L. Pequito Antunes (a cura di), As Ordens Militares em Portugal, Palmela, Câmara Municipal de Palmela, pp. 21-24.

Formiga F. (2015),‘Melita obsidione liberatur’. Il Grande assedio attraverso le Cinquecentine, «Storja», pp. 37-55.

Giuffrida A. (2006), La Sicilia e l’Ordine di Malta (1529-1550). La centralità della periferia mediterranea, Quaderni di Mediterranea-ricerche storiche, Palermo, Associazione Mediterranea.

Greco G. (2014), Giurisdizione spirituale ordinaria e giurisdizione spirituale privilegiata. Arcivescovi e cavalieri di S. Stefano a Pisa nell’età moderna, in Id. (2014), pp. 117-159.

Greco G., a cura di (2014), Il principe, la spada e l’altare, ETS, Pisa.

Irace E. (1995), La nobiltà bifronte. Identità e coscienza aristocratica a Perugia tra XVI e XVII secolo, Milano, Unicopli.

Le commende dell’Ordine di S. Stefano, Atti del convegno di studi (Pisa, 10-11 maggio 1991), Roma, Ministero per i Beni Culturali e Ambientali, 1997.

Merlotti A. (2002), Un sistema degli onori europeo per Casa Savoia? I primi anni dell’Ordine dei santi Maurizio e Lazzaro (1573-1604), «Rivista storica italiana», CXIV/3, pp. 477-514.

Merlotti A. (2006), Le ambizioni del duca di Savoia. La dimensione europea degli ordini cavallereschi sabaudi fra Cinque e Seicento, in H. García Hernán, D. Maffi (a cura di), Guerra y Sociedad en la Monarquía Hispánica. Política, Estrategia y Cultura en la Europa Moderna (1500-1700), Ediciones del Laberinto, CSIC, Fundación MAPFRE, Madrid, 2006, vol. 2, pp. 661-690.

Merlotti A. (2009), Gli ordini monarchici nell’Europa delle dinastie (secoli XIV-XVIII), in Merlotti, Barbero (2009), pp. 175-193.

Novi E. (2011a), I feudi ecclesiastici nel Regno di Napoli: spazi, confini e dimensioni (secoli XV-XVIII), in M. A. Noto, A. Musi (a cura di), Feudalità laica e feudalità ecclesiastica nell’Italia meridionale, Quaderni di Mediterranea-ricerche storiche, Palermo, Associazione Mediterranea, pp. 353-386.

Novi E. (2011b), Il governo militare e fiscale del territorio. I feudi dell’Ordine di Malta nel Mezzogiorno moderno, in a cura di Ead., V. Fiorelli (a cura di), Baroni e Vassalli. Storie moderne, Milano, Franco Angeli, pp. 18-36.

Novi E. (2015), Per una storia della feudalità ecclesiastica nell’area del Mediterraneo occidentale: studi recenti e prospettive, in R. Cancila, A. Musi (a cura di), Feudalesimi nel Mediterraneo moderno, Quaderni di Mediterranea-ricerche storiche, Palermo, Associazione Mediterranea, vol. II, pp. 535-549.

Pace Gravina G. (2010), Obsequium pauperum. Per una lettura istituzionale del carisma melitense, in Aurelio Cernigliaro (a cura di),Il ‘privilegio’ dei ‘proprietari di nulla’. Identificazione e risposte nella società medievale e moderna, Atti del Convegno di Studi (Napoli, 22-23 ottobre 2009), Napoli, Satura, pp. 181-191.

Pace Gravina G. (2016), «Un re senza regno ed un sovrano senza territorio». Percezioni della sovranità dell’Ordine dei Cavalieri di Malta nelle Lezioni su gli Statuti del Sagr’Ordine Gerosolimitano di Antonio Micallef (1792), in A. Ruggeri (a cura di), Scritti in onore di Gaetano Silvestri, Torino, Giappichelli, vol. II, pp. 1592-1603.

Pace Gravina G. (2018), Arma et leges. Juristes et identité nobiliaire en Sicile à l’époque moderne dans les procès de noblesse de l’ordre de Malte, in Nobles et chevaliers en Europe et en Méditerranée, dossier a cura di Anne Brogini et alii, «Cahiers de la Méditerranée», 97/2, pp. 89-98.

Pilo Galisai R. (2009), Le relazioni diplomatiche tra il Regno di Sicilia e i Cavalieri di San Giovanni nella prima metà del XVII secolo. Le ragioni e il fine di un atteggiamento neutrale, in Rivero Rodríguez (2009), vol. II, pp. 1493-1528.

Ricardi di Netro T., Clotilde Gentile L., a cura di (2000), Gentiluomini Cristiani e Religiosi Cavalieri. Nove secoli dell’Ordine di Malta in Piemonte, Catalogo della mostra (Torino, Archivio di Stato, 7 novembre-10 dicembre 2000), Milano, Electa.

Rivero Rodríguez M., a cura di (2009), Nobleza hispana, nobleza cristiana. La Orden de San Juan, , Madrid, Polifemo, 2 voll.

Russo F. (2017), Un Ordine, una città, una diocesi. La giurisdizione ecclesiastica nel principato monastico di Malta in età moderna (1523-1722), Canterano, Aracne.

Scarabelli G. (1994), La vita religiosa nella Marina dell’Ordine di Malta nel XVII e XVIII secolo, «Studi Melitensi», II, pp. 209-268.

Scarabelli G. (1998), L’Ordine di Malta nel Settecento: un dibattito tra polemica e apologia, «Studi Melitensi», VI, pp. 89-143.

Scarabelli G. (2001), Linee di spiritualità del Sovrano Militare Ospedaliero Ordine di S. Giovanni di Gerusalemme, detto di Rodi, detto di Malta, Milano, s.e..

Spagnoletti A. (1988), Stato, aristocrazie e Ordine di Malta nell’Italia moderna, Roma, École française de Rome.

Spagnoletti A. (2009), Principi e cardinali italiani ricevuti nell'Ordine di San Giovanni di Gerusalemme (secoli XVI-XVII), in Rivero Rodríguez (2009), vol. II, pp. 1471-1492.

Spagnoletti A. (2014), La componente religiosa ed ecclesiastica negli uomini e nei beni della Sacra Religione Gerosolimitana, in Greco (2014), pp. 161-180.

Spagnoletti A. (2018), Milizia e carità nella storia dei Cavalieri di Malta, «Studi Melitensi», XXVI, pp. 45-68.

Tomer A. (2018), Il Sovrano Militare Ordine di Malta dalla crisi del 2016-2017 alla riforma costituzionale, «Stato, Chiese e pluralismo confessionale. Rivista telematica», 13, <https://www.statoechiese.it/contributi/il-sovrano-militare-ordine-di-malta-dalla-crisi-del-2016-2017-alla-riforma> (consultato 28 aprile 2020).

Turriziani Colonna F. (2006), Sovranità ed indipendenza nel Sovrano Militare Ordine di Malta, Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana.

Vanesio V. (2014), Il valore inestimabile delle Carte. L’Archivio del Sovrano Militare Ordine di Malta: un primo esperimento di ricostruzione, Roma, Archivi e Biblioteca Magistrali.