Home La SISEM Soci Appuntamenti Attraverso la Storia Materiali Bandi Reti Archivio Contatti

Editoriale

L’espulsione e l’esilio italiano dei gesuiti spagnoli: nuove prospettive di ricerca - Niccolò Guasti - Università di Foggia - 30/03/2020

Negli ultimi venti anni circa le espulsioni settecentesche, la soppressione canonica e la successiva restaurazione dei gesuiti sono state minuziosamente indagate dalla storiografia internazionale. A stimolare tale indagine ha certamente contribuito la lunga serie di ricorrenze ravvicinate che marcano la storia dei gesuiti tra la fine del XVIII secolo e l’inizio dell’Ottocento, a cominciare dai duecentocinquanta anni dell’espulsione dal Portogallo (1759-2009), passando attraverso il bicentenario della rinascita dell’Ordine (1814-2014) e giungendo al duecentocinquantenario dell’espulsione dalla monarchia di Carlo III (1767-2017). Tutti questi anniversari sono stati celebrati con un buon numero di convegni, seminari e atti pubblici i quali hanno solitamente prodotto altrettante pubblicazioni, soprattutto sotto forma di atti di convegni e siti internet tematici (come, ad esempio, Expulsión y exilio de los jesuitas de los dominios de Carlos III). In realtà le ricorrenze hanno alimentato una tendenza già in atto, le cui cause più profonde devono essere individuate nella diffusione, anche all’interno di questo specifico settore dei Jesuit Studies, degli approcci e tagli metodologici attualmente maggiormente in voga nel panorama storiografico internazionale come la World History, la storia delle emozioni e la storia di genere. Tali nuove prospettive, che si sono sommate ad approcci più tradizionali e a lungo praticati come la storia politica e quella della idee, compaiono in alcune recenti sintesi relative alla soppressione canonica del 1773 e al ristabilimento dell’ordine provenienti da alcuni dei massimi specialisti dell’antica Compagnia (Maryks, Wright 2014; Fabre, Goujon 2014; Burson, Wright 2015; Van Kley 2018) e in vari saggi contenuti nell’Oxford Handbook of the Jesuits curato da Ines Županov (2019).

Tra i tanti ambiti tematici di questa fase dell’Ordine di Sant’Ignazio oggetto di analisi, quello relativo all’esilio italiano dei gesuiti spagnoli e sudamericani espulsi (1767-1815) si è ritagliato uno spazio indubbiamente rilevante. Cercherò di offrire un quadro sintetico di alcune nuove prospettive di ricerca emerse da tale filone di studi, specialmente all’interno delle storiografie italiana e iberica.

Partendo dall’osservatorio italiano, si può osservare che, fino ad una quindicina di anni fa circa, gli studiosi avevano sottostimato l’impatto dell’arrivo dei gesuiti spagnoli sulla cultura e la società italiane. A parte le acute osservazioni che Franco Venturi, sulla scorta delle informazioni offerte dallo storico gesuita Miguel Batllori (1966), aveva inserito nel primo tomo del quarto volume di Settecento Riformatore (1984, pp. 239-328), l’esilio dei padri iberici era stato analizzato soprattutto da alcuni ispanisti nell’ambito della storia culturale (o di storia sociale della cultura) e, quindi, della letteratura (Guasti 2009). Per cui, fino a tempi piuttosto recenti, buona parte delle ricerche si è concentrata ad analizzare le attività intellettuali – più in concreto, le strategie culturali, editoriali e di autopromozione sociale – seguite dagli espulsi. L’origine dell’interesse storiografico su tali aspetti scaturisce essenzialmente dal fatto che essi furono un ponte tra culture diverse, almeno da un duplice punto di vista: oltre a ricercare una convergenza tra la tradizione cattolica e l’Illuminismo utilizzando una tecnica di ibridazione selettiva, tra la fine del Settecento e il primo ventennio del secolo successivo essi tentarono di stabilire una connessione organica tra la cultura ispanica (e sudamericana) e quella italiana. Analizzare i testi, le strategie e i network prodotti dai gesuiti, in primis da quelli spagnoli, nel corso della seconda parte del XVIII secolo significa aprire un osservatorio privilegiato per meglio comprendere e contestualizzare le ragioni sia dei “nemici dell’Illuminismo”, come anche dei sostenitori del cosiddetto “Illuminismo moderato”. Infatti, mentre un gruppo consistente di gesuiti di ogni Assistenza nazionale si oppose frontalmente e polemicamente ai Lumi, un altro settore cercò invece di dialogare con essi nel tentativo di “cristianizzarli”, con l’evidente scopo di limitare gli effetti politici della critica illuministica; tale duplice tattica di contenimento dell’Illuminismo continuò e, anzi, si potenziò a seguito della soppressione canonica, quando gli ormai ex gesuiti furono liberi di impegnarsi nei dibattiti che percorrevano la Repubblica delle Lettere europea poiché non più vincolati alle antiche gerarchie e alla censura dei superiori del disciolto Ordine (Bianchini 2006). Come hanno dimostrato, tra gli altri, Antonio Trampus (2000) per l’area tedesca ed austriaca e Patrizia Delpiano (2007, 2015) per quella italiana, dopo il 1773 gli ex gesuiti furono abilissimi nell’impossessarsi non solo di alcuni concetti e parole d’ordine della cultura illuminista, ma degli stessi luoghi della socialità (salotti, accademie, testate giornalistiche, tipografie, gabinetti scientifici, la massoneria) e dei generi letterari tipici dei Lumi (come il romanzo filosofico e l’enciclopedismo). Tale capacità di penetrazione e ibridazione, ovviamente, è stata esaltata dagli specialisti dell’“Illuminismo religioso” e, in particolare, dai nuovi sostenitori del “Catholic Enlightenment” (Delpiano 2019). Indubbiamente molti espulsi spagnoli e sudamericani, nonostante l’esibizione di un diffuso patriottismo filo-spagnolo, eccelsero nel maneggiare tale doppio registro “sincretico” (Ronan 1977, 2002; Mantelli 1987; Tietz 2001; Guasti 2006, 2017); anche nel loro caso, poi, la tempesta rivoluzionaria e napoleonica produsse un rapido riposizionamento in difesa del Trono e dell’Altare (Guerra 2004; Guerci 2008), tanto che la Compagnia di Gesù, una volta risorta come ordine, sarà la protagonista indiscussa della formazione dei ceti dirigenti della Restaurazione in tutta l’Europa cattolica.

Nell’avanzamento degli studi sui gesuiti iberici esiliati in Italia, una tappa importante è stata certamente il convegno tematico organizzato nel 2009 da Ugo Baldini e Gian Paolo Brizzi a Bologna, i cui atti apparvero l’anno successivo (Baldini, Brizzi 2010). In quella occasione, infatti, studiosi italiani di varie aree disciplinari (modernisti, storici della Chiesa, italianisti, ispanisti, storici della scienza) e alcuni specialisti spagnoli si sono confrontati tra sé e con importanti storici dell’ordine (Martín Morales, Marek Inglot, António Júlio Limpo Trigueiros). Da allora in poi, mentre i percorsi di ricerca più tradizionali hanno conosciuto un ulteriore potenziamento (Melai 2011; Piciulo 2012), si sono sviluppate nuove piste d’indagine – come quelle relative alla ricostruzione dell’esistenza quotidiana dei padri esiliati e al loro ruolo di mediatori culturali, in senso lato, tra il mondo ispanico e quello italiano – che stanno producendo risultati di grande interesse: penso soprattutto ai saggi di Maria Teresa Guerrini (2016, 2017) e di Elisabetta Marchetti (con Inmaculada Fernández Arrillaga, 2011, 2012). Una serie di successivi incontri italo-spagnoli, specificamente dedicati all’espulsione e all’esilio italiano dei gesuiti iberici o alle relazioni tra Italia e Spagna nel corso del XVIII secolo, hanno permesso di rafforzare tale sinergia tra i ricercatori delle due aree (si veda, ad esempio, Fernández Arrillaga et alii 2018).

Passando alla storiografia iberica, meraviglia constatare che neppure in Spagna, almeno fino all’inizio degli anni Novanta del secolo scorso, l’analisi dell’esilio dei gesuiti avesse riscosso un grande interesse. Perlopiù le ricerche riguardavano il processo politico che aveva condotto all’espulsione e alla nascita di un blocco sociale, quello dei golillas o manteístas, avversario della Compagnia e dei suoi allievi, oppure concernevano lo sviluppo di una cultura “pre-ilustrada” antigesuita: in quest’ultimo ambito spiccano i tanti saggi e libri (l’ultimo dei quali è apparso nel 2019) che Antonio Mestre ha dedicato alla figura dell’erudito valenzano Gregorio Mayans. Dopo il minuziosa ricerca di Teófanes Egido e Isidoro Pinedo (1994) sulle cause politiche della cacciata dei gesuiti dalla monarchia di Carlo III, un’evidente accelerazione è stata impressa soprattutto dal gruppo di ricerca di Alicante coordinato da Enrique Giménez López: ad essere indagati sono stati, in particolare, i fattori logistici dell’espulsione delle undici Province dell’Assistenza spagnola, alcuni aspetti del loro esilio italiano e le trattative diplomatiche che condussero Clemente XIV a dissolvere l’ordine (Giménez López, 1997, 2002, 2008, 2009, 2017; Lorenzo García, 1997; Fernández Arrillaga, 2004; St. Clair Segurado, 2005; Martínez Tornero, 2010; García Arenas, 2014). Nel contempo questo gruppo di studiosi di Alicante ha iniziato una meritoria attività di pubblicazione di fonti, soprattutto di vari diari dei padri banditi, tra cui spicca quello di Manuel Luengo che copre tutto l’arco del destierro. Si tratta di documenti essenziali non solo per indagare l’esistenza materiale e le attività degli ex gesuiti iberici e sudamericani in Italia, ma anche per verificare la sopravvivenza dell’identità gesuita tra il 1773 e il 1814 (Luengo, 2002, 2004, 2010a, 2010b, 2013, 2015). Le ultime ricerche di Fernández Arrillaga (2012, 2016) e di alcune giovani ricercatrici e dottorande da lei dirette si stanno invece indirizzando verso la storia di genere, sottolineando il permanere, a distanza di svariati decenni dalle espulsioni e dalla soppressione, di una diffusa memoria relativa alla Compagnia presso il mondo femminile ispanico.

Naturalmente anche la storiografia sudamericana, nel corso degli ultimi venti anni, ha indagato in profondità le cause e le conseguenze dell’espulsione (come anche della restaurazione canonica) dei gesuiti, a cominciare dal settore scolastico e nell’ambito delle missioni (Salcedo Martínez 2014; Perrone 2016). Uno dei progetti di ricerca più interessanti proveniente dal mondo sudamericano è stato certamente quello promosso da Perla Chinchilla dall’Università Iberoamericana di Città del Messico. Specialista delle forme discorsive coltivate dalla Compagnia di Gesù, nel 2013 Chinchilla ha utilizzato il bicentenario della restaurazione per promuovere un progetto culturale ed editoriale intitolato 1814-2014. Construcción de una identidad. La Compañía de Jesús ante su restauración, che, nel giro di due anni, ha prodotto ben sei volumi collettivi, ognuno dei quali è stato dedicato ad un tema specifico: l’istruzione superiore, la rinascita della Compagnia in Sudamerica (in due volumi, uno dei quali di fonti), l’anti e il filo gesuitismo, le missioni prima e dopo la restaurazione, la storiografia gesuita dalle origini al primo Novecento (Romano, Bianchini e Chinchilla 2013; Fabre, Cárdenas e Borja 2014; Matabuena, Ponce Alcocer e Salcedo Martínez 2014; Monreal, Pavone e Zermeño 2014; Correa Etchegaray, Wilde e Colombo 2014; Chinchilla, Mendiola e Morales 2014). Sebbene buona parte degli studi qui raccolti concernano il mondo ispano-americano, questi volumi hanno contribuito a far luce su alcuni aspetti generali dell’identità ignaziana e sui meccanismi di ricomposizione delle strategie dell’ordine dopo la sua restaurazione del 1814.

Occorre infine ricordare che in questo stesso lasso di tempo anche alcuni storici gesuiti spagnoli e portoghesi hanno svolto delle minuziose ricerche sull’espulsione e sul ristabilimento dei rami iberici dell’ordine: spiccano, in particolare, gli studi dei già menzionati Pinedo e Trigueiros, ma anche di Antonio Ferrer Benimeli (1993-1998, 2013) e Manuel Revuelta González (2013). Di taglio diverso, invece, appaiono le ricerche di Morales, incentrate, in linea con le suggestioni metodologiche di Michel de Certeau, sull’esame della scrittura e della costruzione di una memoria e un’identità da parte dei religiosi banditi e delle generazioni otto-novecentesche di storici gesuiti.

Certamente molto ancora rimane da indagare o approfondire. Tre le varie piste di ricerca che sarebbe opportuno percorrere con maggiore coerenza figura quella relativa alla condizione esistenziale di esiliati vissuta dai religiosi ibero-americani in Italia: in che misura essa influì sulla capacità degli espulsi di ripensare la loro originaria formazione e, specularmente, di misurarsi con le tradizioni culturali italiane? A questa come ad altre domande manca ancora una risposta esaustiva, specie da parte degli storici delle emozioni, troppo spesso incapaci di collocare adeguatamente le proprie analisi nello specifico contesto vissuto dagli espulsi. Si tratta insomma di un terreno di ricerca ancora da esplorare, tenendo sempre a mente il fatto che molti di questi religiosi provenivano da contesti, come il Levante iberico, che nel XVIII secolo continuavano ad avere strette relazioni commerciali e culturali con l’Italia (e quindi non erano mondi “altri”, quanto piuttosto mondi vicini e connessi), mentre tanti espulsi erano stati missionari, per cui possedevano una forma mentis predisposta all’adattamento, solitamente a contesti ben più distanti geograficamente, culturalmente e socialmente rispetto agli Stati italiani di fine Settecento.


Riferimenti bibliografici

 

Baldini U., Brizzi G.P., a cura di (2010). La presenza in Italia dei gesuiti iberici espulsi. Aspetti religiosi, politici e culturali, Bologna, Clueb.

Batllori M. (1966). La cultura hispano-italiana de los jesuitas expulsos españoles-hispanoamericanos-filipinos, 1767-1814, Madrid, Gredos.

Bianchini P., a cura di (2006). Morte e resurrezione di un ordine religioso. Le strategie culturali ed educative della Compagnia di Gesù durante la soppressione (1759-1814), Milano, Vita e Pensiero, 2006.

Burson J.D., Wright J., a cura di (2015). The Jesuit Suppression in Global Context. Causes, Events and Consequences, Cambridge, Cambridge University Press.

Chinchilla P., Mendiola A. e Morales M., a cura di (2014). Del Ars Historica a la Monumenta Historica: la historia restaurada, México, Universidad Iberoamericana.

Correa Etchegaray L., Wilde G. e Colombo E., a cura di (2014). Las misiones antes y después de la restauración de la Compañía de Jesús. Continuidades y cambios, México, Universidad Iberoamericana.

Delpiano P. (2007). Il governo della lettura. Chiesa e libri nell’Italia del Settecento, Bologna, Il Mulino. (trad. ingl. Church and Censorship in Eighteenth-Century Italy. Governing Reading in the Age of Enlightenment, London, Routledge, 2018).

Delpiano P. (2015). Liberi di scrivere. La battaglia per la stampa nell’età dei Lumi, Roma-Bari, Laterza.

Delpiano P. (2019). Un nuovo revisionismo. A proposito del ‘Catholic Enligtenment’, in «Rivista Storica Italiana», I, pp. 333-358.

Expulsión y exilio de los jesuitas de los dominios de Carlos III, in Biblioteca Virtual Cervantes disponibile all’indirizzo http://www.cervantesvirtual.com/portales/expulsion_jesuitas/.

Egido T., Pinedo Iparraguirre I. (1994). Las causas “gravísimas” y secretas de la expulsión de los jesuitas por Carlos III, Madrid, Fundación Universitaria Española.

Fabre P.A., Cárdenas E. e Borja J.H., a cura di (2014). La Compañía de Jesús en América Latina después de la Restauración: los símbolos restaurados, México, Universidad Iberoamericana.

Fabre P.A., Goujon P. (2014). Suppression et rétablissement de la Compagnie de Jésus (1773-1814). La Compagnie de Jésus de 1773 à 1814, Namur-Paris, Lessius.

Fernández Arrillaga I. (2004). El destierro de los jesuitas castellanos (1767-1815), Salamanca, Junta de Castilla y León.

Fernández Arrillaga I. (2012). «Yo soy mujer, francesa, filósofa...» y jesuita, in Bernabé D., Arberola A., a cura di, Magistro et amico. Diez estudios en Homenaje al profesor Enrique Giménez López, Alicante, Universidad de Alicante, pp. 161-174.

Fernández Arrillaga I. (2016). Mamá Antula: la beata de los ejercicios espirituales desde la mirada de los jesuitas desterrados, in «Scripta. Revista de Literatura y Cultura Medieval y Moderna», 8, pp. 257-267.

Fernández Arrillaga I., Marchetti E. (2011). Integración cultural de los jesuitas hispanos desterrados y su rastro en las iglesias boloñesas, in «Revista de Historia Moderna. Anales de la Universidad de Alicante», XXIX, pp. 259-276.

Fernández Arrillaga I., Marchetti E. (2012). La Bolonia que habitaron los jesuitas hispánicos (1768-1773), Bologna, Dupress.

Fernández Arrillaga I., Mateo Ripoll V., Pacheco Albalate M., Tribaldos Soriano R., a cura di (2018). Memoria de la expulsión de los jesuitas por Carlos III, Madrid, ANAYA.

Ferrer Benimeli J.A. (1993-1998). La expulsión y extinción de los jesuitas según la correspondencia diplomática francesa, Zaragoza-S.Cristóbal, Universidad de Zaragoza-Universidad Católica del Táchira, 3 voll.

Ferrer Benimeli J.A. (2013). Expulsión y extinción de los jesuitas (1759-1773), Bilbao, Mensajero.

García Arenas M. (2014). Portugal y España contra los jesuitas. Las monarquías ibéricas y la Compañía de Jesus (1755-1773), Madrid, Centro de Estudios Políticos Consitucionales.

Giménez López E., a cura di (1997). Expulsión y exilio de los jesuitas españoles, Alicante, Universidad de Alicante.

Giménez López E., a cura di (2002). Y en el tercero perecerán. Gloria, caída y exilio de los jesuitas españoles en el siglo XVIII, Alicante, Universidad de Alicante.

Giménez López E. (2008). Misión en Roma. Floridablanca y la extinción de los jesuitas, Murcia, Universidad de Murcia.

Giménez López E., a cura di (2009). Conde de Floridablanca, Cartas desde Roma para la extinción de los jesuitas. Correspondencia, julio 1772-septiembre 1774, Alicante, Universidad de Alicante.

Giménez López E. (2017). La Compañía de Jesús, del exilio a la restauración. Diez estudios, Alicante, Universidad de Alicante.

Guasti N. (2006). L’esilio italiano dei gesuiti spagnoli. Identità, controllo sociale e pratiche culturali (1767-1798), Roma, Edizioni di Storia e Letteratura.

Guasti N. (2009). I gesuiti spagnoli espulsi e la cultura del Settecento, in “Ricerche di storia sociale e religiosa”, n. s., 76, pp. 45-77.

Guasti N. (2017). Juan Andrés e la cultura del Settecento, Milano, Mimesis.

Guerci L. (2008). Uno spettacolo non mai più veduto nel mondo. La Rivoluzione francese come unicità e rovesciamento negli scrittori controrivoluzionari italiani (1789-1799), Torino, Utet.

Guerra A. (2004). Il vile satellite del trono. Lorenzo Ignazio Thjulen: un gesuita svedese per la controrivoluzione, Milano, Franco Angeli.

Guerrini M.T. (2016). Gesuiti espulsi, gesuiti soppressi: una difficile integrazione. Il caso di Bologna e Ferrara a confronto (secc. XVIII-XIX), in «Società e Storia», 154, pp. 737-765.

Guerrini M.T. (2017). Tra Rimini e Cesena. Frammenti di fine Settecento dell’esilio italiano dei gesuiti iberici, in Mar­telli F. (a cura di), Spaesamenti. Processi di estraniazione culturale tra età mo­derna e contemporanea, Canterano, Aracne, pp. 51-77.

Lorenzo García S. (1999). La expulsión de los jesuitas de Filipinas. Alicante, Universidad de Alicante.

Luengo M. (2002). Memorias de un exilio. Diario de la expulsión de los jesuitas de los dominios del Rey de España (1767-1768), a cura di Fernández Arrillaga I., Alicante, Universidad de Alicante.

Luengo M. (2004). El retorno de un jesuita desterrado. Viaje del padre Luengo desde Bolonia a Nava del Rey (1798), a cura di Fernández Arrillaga I., Alicante, Universidad de Alicante.

Luengo M. (2010a). Diario de 1769. La llegada de los jesuitas españoles a Bolonia, a cura di Pinedo Iparraguirre I., Fernández Arrillaga I., Alicante, Universidad de Alicante.

Luengo M. (2010b). Diario de 1808. El año de la conspiración, a cura di Giménez López E., Fernández Arrillaga I., Alicante, Universidad de Alicante.

Luengo M. (2013). Diario de 1773. El triunfo temporal del antijesuitismo, a cura di Pinedo Iparraguirre I., Fernández Arrillaga I., Alicante, Universidad de Alicante.

Luengo M. (2015). Diario de 1814 y 1815. El final del destierro y la restauración de la Compañía de Jesús, a cura di Fernández Arrillaga I., Martínez Tornero M., Alicante, Universidad de Alicante.

Mantelli R. (1987). The Political, religious and historiographical ideas of Juan Francisco Masdeu, New York-London.

Martínez Tornero C. A. (2010). Carlos III y los bienes de los jesuitas. La gestión de las temporalidades por la monarquía borbónica, Alicante, Universidad de Alicante.

Maryks R.A., Wright J., a cura di (2014). Jesuit Survival and Restoration. A Global History, 1773-1900, Leiden, Brill.

Matabuena M.T., Ponce Alcocer M.E. e Salcedo Martínez J.E., a cura di (2014). La restauración de la Compañía de Jesús en la América hispanolusitana. Una antología de las fuentes documentales, México, Universidad Iberoamericana.

Melai F. (2011). Sul significato del “Platonismo” di Peramás nel suo Commentarius (1793), in «Società e Storia», 134, pp. 673-688.

Mestre A. (2019). Religiosidad, cultura y política. Mayans y la Compañía. De la amistad a la ruptura, Valencia, Artes Gráficas Soler, 2019.

Monreal S., Pavone, S. e Zermeño G., a cura di (2014). Antijesuitismo y Filojesuitismo: dos identidades ante la restauración, México, Universidad Iberoamericana.

Perrone N. H. (2016). Un recorrido historiográfico sobre la Compañía de Jesús. La bibliografía jesuita y laica sobre las expulsiones, la supresión y la restauración de los jesuitas, in «Anuario IEHS», XXXI, 1, pp. 149-172.

Piciulo V.S. (2012). Joaquín Camaño «un gran colaborador», in Martínez Millán J., Pizarro Llorente H. e Jiménez Pablo E., a cura di, Los Jesuitas. Religión, política y educación (siglos XVI-XVIII), Universidad Pontificia Comillas, Madrid, vol. III, pp. 1849-1858.

Revuelta González M. (2013). El restablecimiento de la Compañía de Jesús. Celebración del bicentenario, Bilbao, Mensajero.

Romano A., Bianchini, P. e Chinchilla P., a cura di (2013). De los Colegios a las universidades. Los jesuitas en el ámbito de la educación superior, México, Universidad Iberoamericana.

Ronan C. E. (1977). Francisco Javier Clavigero, S. J. (1731-1787), figure of the Mexican Enlightenment: his life and works, Roma-Chicago, IHSI-Loyola University Press.

Ronan C.E. (2002). Juan Ignacio Molina. The world’s window on Chile, New York, Peter Lang.

Salcedo Martínez J.E., a cura di (2014). Los jesuitas expulsados, extinguidos y restaurados. Memorias del Primer Encuentro Internacional sobre la historia de la Compañía de Jesús, Bogotá, Pontificia Universidad Javeriana.

St. Clair Segurado E. M. (2005). Expulsión y exilio de la Provincia jesuita mexicana (1767-1820), Alicante, Universidad de Alicante.

Tietz M., a cura di (2001). Los jesuitas españoles expulsos. Su imagen y su contribución al saber sobre el mundo hispánico en la Europa del siglo XVIII, Madrid-Frankfurt am Main, Iberoamericana-Vervuert.

Trampus A. (2000). I gesuiti e l’Illuminismo. Politica e religione in Austria e nell’Europa centrale (1773-1798), Firenze, Olschki.

Van Kley D. K. (2018). Reform Catholicism and the International Suppression of the Jesuits in Enlightenment Europe, New Haven-London, Yale University Press.

Venturi F. (1984). Settecento Riformatore, Torino, Einaudi, vol. IV (La caduta dell’Antico Regime, 1776-1789), t. 1 (I grandi stati dell’Occidente).

Županov I.G., a cura di (2019). The Oxford Handbook of the Jesuits, New York, Oxford U.Press