Home La SISEM Soci Appuntamenti Attraverso la Storia Materiali Bandi Reti Archivio Contatti

Editoriale

Che sia giunto il momento in cui si prende atto di una deriva che comporta innanzitutto un mea culpa da parte degli storici di professione? – Luglio 2017 – Renata De Lorenzo – Università degli studi di Napoli Federico II - 27/07/2017

La decisione dei consigli regionali delle regioni meridionali, ma anche di molti consigli comunali, di approvare “giornate della memoria” non è che il risultato di una frattura fra le istituzioni e i saperi, dal momento che il presidente Emiliano ha scelto come suo consulente Pino Aprile, bypassando tutte le competenze riconosciute e legittimate delle numerose università pugliesi.  Lo stesso iter hanno seguito a Napoli la revoca della cittadinanza a Cialdini decisa dal consiglio comunale di Napoli e la composizione della Commissione per la toponomastica, nella quale accanto a qualificate competenze e a presenze istituzionali come la Società Napoletana di Storia Patria e l’Archivio di Stato, figurano esponenti di forze politiche in funzione esclusivamente del loro peso elettorale.  In compenso è stata la Commissione cultura di questo stesso Comune a richiedere, in merito alla giornata della memoria per i “martiri dell’unità d’Italia” la consulenza di due docenti dell’Università di Napoli, il cui parere, fatto proprio anche dall’Assessore alla Cultura, è stato recepito per bloccare la proposta.

I segnali sono molti e di lunga data. Essi rivelano un uso della storia ai fini della ricerca del consenso, che   riprende tradizionali forme di uso del passato, oggi tuttavia ingigantite e deviate dalle modalità della comunicazione.

Fa bene Saverio Russo a ricordare l’allontanamento dalla storiografia sabaudista e risorgimentista di una feconda stagione di ricerca che ha insegnato a articolare la varietà delle situazioni del Mezzogiorno preunitario in base a dinamismi indagati con nuove fonti e più raffinati strumenti metodologici. Tutto ciò è rimasto tuttavia al centro di dibattiti che sembrano non aver coinvolto il grosso pubblico, sensibile invece alla divulgazione immediata, interessato a leggere testi manichei, che cavalcano le diffuse esigenze di una diversa considerazione dei bisogni di una parte del paese con gli strumenti dell’attacco personale e dell’offesa. È grave che di queste tendenze si facciano espressione istituzioni che finiscono per mettere in discussione e minare, al di là delle affermazioni di esclusivo scopo di stabilire la “verità storica”, lo Stato di cui sono espressione.  Nei confronti dei nostri studenti e del messaggio pedagogico le conseguenze sono ancora più pesanti: la massimizzazione di discorsi complessi, che richiedono studio e conoscenza reale, non solo quantitativa, delle fonti, ci restituisce una generazione di insegnanti che nelle scuole superiori propagandano la stessa superficialità  e  la presunzione di poter annullare il passato con slogan da stadio o del cantante di turno che dagli spalti di piazza del Plebiscito o delle piazze dei piccoli paesi conquista applausi ricordando quanto le popolazioni meridionali siano state sfruttate e eroicizzando il brigantaggio, in tutte le sue forme, da quelle protestatarie legittimiste a quelle cannibalesche e da criminalità comune.

Renata De Lorenzo

Università di Napoli Federico II